Purple Hearts
Main menu
Home
English
Scopo del sito
Mappa del sito
ID in pillole
Links
Ricerca
Libri stranieri
Libri italiani
Documenti
Contatto
Administrator
Login
Username

Password

Remember me
Forgotten your password?

RSS

Il Disegno Intelligente e` scienza, non religione
Richard Buggs (da The Guardian)  

 

Documento Originale

 

"E` vero che la complessità della natura sembra progettata. Darwin lo sapeva. Ma l'aspetto fondamentale della sua teoria è che essa spiega come questa complessità sia potuta sorgere senza progetto."  Questo ha detto James Randerson: Darwin negava il disegno intelligente - che, dice, non ha posto nell'insegnamento scientifico.

Darwin dette un gran contributo alla scienza, e le sue idée suggeriscono ipotesi ancora oggi. E` questo il punto di partenza delle mie ricerche, pubblicate nelle riviste sull'evoluzione. Ma, a dispetto del notevole lavoro di Darwin, è più che ottimistico affermare che la sua teoria spieghi l'origine degli esseri viventi.

Se Darwin avesse conosciuto cosa sappiamo oggi di biologia molecolare - gigabyte di informazione codificata nel DNA, cellule piene di micro macchine, le strutture altamente specializzate di certe proteine - avrebbe trovato la sua teoria convincente? Randerson pensa che la selezione naturale possa spiegare l'origine delle macchine molecolari. Ma il fatto è che siamo ben lontani anche solo dall'ipotizzare spiegazioni Darwiniane per l'origine delle complesse strutture biologiche.

La scienza ne ha fatta di strada dal tempo di Darwin, e molte sue scoperte hanno messo in luce dati non previsti dalla sua teoria. Chi, in base a premesse Darwiniane, si sarebbe aspettato che i profili di distribuzione e quantità delle specie nelle foreste tropicali potessero essere spiegati senza tener conto dell'adattamento locale? O che tutte le volte che sequenziamo un nuovo genoma troviamo geni nuovi, diversi da quelli di tutte le altre specie? O che i batteri acquisiscono patogenicità (la capacità di causare malattie) perdendo dei geni?

Ma, a parte le limitazioni del Darwinismo, l'alternativa dell'"Intelligent Design" è un "binario morto intellettuale"? No. Se vero, il disegno intelligente è una profonda analisi del mondo naturale e uno stimolo alla ricerca scientifica. I pionieri della scienza moderna, che erano convinti del disegno in natura, erano convinti, in buona logica, che esso potesse essere compreso dall'intelletto umano. Questa convinzione aiutò a creare la rivoluzione scientifica. Più recentemente, alcuni ricercatori ID hanno predetto che parti del DNA supposto "inutile" dovessero invece avere una funzione ben prima che di questa convinzione prendessero coscienza i Darwinisti.

Ma, secondo Randerson, l'ID non è scienza perché "non c'è evidenza che possa in linea di principio falsificare l'ID". Ditemi, cosa sostiene il Darwinismo? Se, come spiegazione della complessità organizzata, il Darwinismo avesse una basa evidenziale più convincente, certo molti di noi abbandonerebbero l'ID.

In fine Randerson dice che il disegno intelligente è "pura religione". Invece, il disegno intelligente è una deduzione logica, basata sui dati raccolti dal mondo naturale, e quindi fa parte a pieno titolo dell'ambito della scienza. Esso non si basa sulla Bibbia, il Corano o qualsiasi altra autorità o tradizione religiosa - ma solo sull'evidenza scientifica. Se una persona religiosa auspica l'introduzione del disegno intelligente nella scienza senza identificare il "disegnatore", non vi è disonestà o "cavallo di Troia", ma solo realismo riguardo alle limitazioni del metodo scientifico. Se anche certi Darwinisti avessero l'onestà intellettuale di distinguere tra la scienza e le loro credenze religiose, la conoscenza scientifica ne gioverebbe molto.