Purple Hearts
Main menu
Home
English
Scopo del sito
Mappa del sito
ID in pillole
Links
Ricerca
Libri stranieri
Libri italiani
Documenti
Contatto
Administrator
Login
Username

Password

Remember me
Forgotten your password?

RSS

Perche` vorrei che il mio dottore avesse studiato l`evoluzione
Michael Egnor (da www.evolutionnews.org)  

 

Documento Originale

Cari studenti,

 

La "Alliance for Science" ha sponsorizzato un concorso per gli studenti delle scuole superiori, nel quale si chiede di scrivere un tema dal titolo "Perché vorrei che il mio dottore avesse studiato l'evoluzione". Il primo premio è una copia dell' "Origine delle specie" di Darwin. Il secondo premio è due copie dell' "Origine delle specie" di Darwin! (Sto scherzando.)

 

È una ben strana domanda. Pensateci. Qualcuno sponsorizzerebbe un concorso su "Perché vorrei che il mio dottore avesse studiato l'anatomia" o "Perché vorrei che il mio dottore avesse studiato la fisiologia"? Ovviamente nessuno, perché sappiamo tutti che queste scienze sono importanti nella medicina. La biologia evoluzionaria lo è? Se sì perché devono porre la domanda?

 

I dottori non studiano l'evoluzione. Non la studiano mai alla facoltà di medicina, e non usano mai la biologia evoluzionaria nella loro pratica medica. Non ci sono corsi di evoluzione alla facoltà di medicina. Non ci sono "professori di evoluzione" nella scuole di medicina. Non ci sono dipartimenti di biologia evoluzionaria nelle facoltà di medicina.

 

Se aveste bisogno di cure per un tumore al cervello, la squadra medica sarebbe composta di un fisico (che ha progettato la MRI [Magnetic Resonance Imaging] che ha diagnosticato il tumore), un chimico e un farmacologo (che hanno progettato le medicine per curarlo), un ingegnere e un anestesista (che hanno progettato e usato la macchina che vi a tenuto in anestesia), un neurochirurgo (che ha compiuto l'operazione di rimozione del tumore), un patologo (che ha studiato il tumore al microscopio e ha determinato di che tipo è), infermiere ed oncologi (che vi hanno assistito e che verificheranno che il tumore non ritorni). Non c'è nessun biologo evoluzionario in questa squadra.

 

Io sono un professore di neurochirurgia, lavoro e insegno in un'università di medicina, faccio ricerca sul cervello, e in 20 anni ho effettuato più di 4000 operazioni al cervello. Non ho mai usato la biologia evoluzionaria nel mio lavoro. Sarei un chirurgo migliore se presumessi che il cervello è sorto grazie ad eventi casuali? Ovviamente no. I medici sono detectives. Cerchiamo degli indizi e dei segni, e nel corpo umano, essi portano decisamente a concludere che tutto sembra progettato. I dottori sanno che, dall'intricata struttura del cervello umano al codice genetico, i nostri corpi mostrano una stupefacente evidenza di progettazione. Questa è la ragione per cui la maggioranza dei medici - quasi due-terzi secondo un sondaggio nazionale - non credono che gli esseri umani siano nati soltanto grazie al caso e alla selezione naturale. La maggior parte dei dottori non accettano la biologia evolutiva come adeguata spiegazione della vita. I medici vedono, di prima mano, il progetto della vita.

 

Certo io uso molte scienze relative ai cambiamenti degli organismi nel tempo. La genetica è molto importante, come pure la biologia delle popolazioni e la microbiologia. Ma la biologia evoluzionaria di per se, distinta da tali campi scientifici, non contribuisce per nulla alla moderna medicina.

 

Senza usare la teoria evoluzionista, i dottori e gli scienziati hanno scoperto i vaccini (Jenner, nel XVIII secolo, prima che nascesse Darwin), hanno scoperto che i germi causano malattie infettive (Pasteur, nel XIX secolo, che ignorò Darwin), hanno scoperto i geni (Mendel, nel XIX secolo, era un monaco e non un sostenitore della teoria di Darwin), hanno scoperto gli antibiotici e rivelato i segreti del codice genetico (la chiave di queste scoperte è stata il riconoscimento del disegno nella doppia elica del DNA). I trapianti di cuore, fegato e rene, nuove cure per il cancro e le malattie cardiache, e una miriade di progressi salva-vita in medicina sono stati fatti senza alcun bisogno dei biologi evoluzionisti. Nessun premio Nobel in medicina è stato attribuito per lavori nella biologia evoluzionaria. Infatti, penso che bisogna dire che l'unico contributo che l'evoluzione ha dato alla medicina moderna è di portarla sulla orribile strada dell'eugenetica, che ha portato la sterilizzazione forzata e danni fisici a molte migliaia di Americani all'inizio del 1900. Questo è un contributo che ha procurato vergogna - non progresso - al campo della medicina.

 

Allora "Perché vorrei che il mio dottore avesse studiato l'evoluzione". Non lo vorrei! La biologia evoluzionaria non ha alcuna importanza nella medicina moderna. Questa risposta non vincerà il premio della "Alliance for Science". Ma è solo la pura verità.

 

Michael Egnor, M.D.