Purple Hearts
Main menu
Home
English
Scopo del sito
Mappa del sito
ID in pillole
Links
Ricerca
Libri stranieri
Libri italiani
Documenti
Contatto
Administrator
Login
Username

Password

Remember me
Forgotten your password?

RSS

Sistemi complessi a gerarchie nidificate - Complex systems of nested hierarchies
Laszlo Bencze  

 

English version

Perché i sistemi complessi di gerarchie nidificate come le automobili o gli esseri viventi non possono essere prodotti dal livello più basso a quello più alto.

 

Un'automobile è un esempio di un sistema complesso con gerarchie nidificate. Al livello gerarchico più  alto, un'automobile è una macchina per trasportare persone e cose. Essa consiste in svariate sotto-gerarchie:

 

1. Sterzo

2. Freni

3. Motore

4. Trasmissione  etc.

 

La più complessa di esse è il motore. Dentro il motore abbiamo ulteriori sotto-gerarchie come l'albero a gomiti, un complesso elemento di acciaio accuratamente lavorato e bilanciato che converte il moto lineare in moto rotatorio. Poi abbiamo il sistema dei pistoni che è composto dal pistone stesso, il giunto di connessione, lo spinotto e le fasce elastiche. Queste ultimi sono gerarchie al di sotto dei pistoni. Sono parti di precisione e tipicamente sono venduti insieme. L'insieme delle candele e dei relativi fili elettrici è un'altra sotto-gerarchia del motore. Ogni candela è una gerarchia di per se consistente di isolatore, filettatura, elettrodo e cosi via. E lo stesso vale per i fili elettrici consistenti di guaina isolante, filo di rame e connettori.

 

L'automobile non funziona se tutte le gerarchie dei sistemi non sono assemblate nell'ordine e nel posto giusto. Esse non possono essere messe alla rinfusa, devono essere installate secondo un preciso ordine di montaggio. I pistoni devono essere innestati sull'albero motore. I cilindri devono avere le candele. Le ruote devono avere i pneumatici. Un'automobile che ha i pistoni nel bagagliaio e i pneumatici sul sedile posteriore è inutile. Un motore senza pistoni non funzionerà.

 

Anche gli esseri viventi consistono di gerarchie nidificate. Il sistema respiratorio consiste di polmoni e diaframma. I polmoni consistono di piccole cavità chiamate alveoli, i quali a loro volta consistono di sottili tessuti e capillari. Attraverso i capillari fluisce un altro sistema complesso: il sangue, il quale contiene la sotto-gerarchia delle molecole di emoglobina, che devono essere disposte in precise configurazioni molecolari, critiche per la cattura e il rilascio dell'ossigeno.

 

Chiunque voglia costruire qualcosa di complicato come un'automobile o una casa si rende conto che lo scopo deve essere accuratamente pianificato fin dall'inizio. Non funzionerà progettare un grosso motore diesel e poi rendersi conto al momento dell'installazione che non entra in una piccola auto sportiva. Ne funzionerà piazzare le colonne portanti di una casa e poi scoprire che erano necessarie delle fondazioni preliminari. Un costruttore deve conoscere in anticipo come la casa e l'automobile saranno prima che qualsiasi lavoro possa iniziare. Questo è ciò a cui i progetti servono.

 

Ne può questa pianificazione partire finché l'idea dell'intero progetto è ben conosciuta. Una casa non può essere modificata in un'automobile durante la costruzione. Questo è il motivo per cui il progetto di edifici complessi procede sempre dall'alto al basso, dal più alto livello gerarchico, dalle idee, agli schizzi, ai disegni preliminari, alle modifiche che culminano in dettagliati disegni tecnici e liste di specifiche e componenti. Tutto ciò deve avvenire prima della costruzione perché una volta che essa è iniziata i cambiamenti sono impossibili o difficili ed estremamente costosi.

 

Invece l'evoluzionismo dice che lo scopo non è necessario; pianificare è inutile, la conoscenza delle gerarchie della complessità non è necessaria. Tutto ciò che è necessario alla vita è il livello più basso del sistema complesso più il caso. Effetti casuali modelleranno le molecole nelle complicate gerarchie che ci stanno sopra.

 

Oggi sappiamo che le molecole al più basso livello di gerarchia sono il DNA. I cambiamenti casuali sono semplici sostituzioni di una base di DNA con un'altra, ovvero una mutazione. Una mutazione utile aiuterà la sopravvivenza e la riproduzione. Il ciclo di mutazione/selezione è il motore che pilota l'evoluzione. Così ci è stato detto. Ma riflettiamo: la mutazione avviene al più basso livello della gerarchia di un organismo vivente. Come possono cambiamenti a questo livello essere coordinati nel grande albero delle gerarchie sovrastanti?

 

Immaginate di mettere in mano ad un antico ingegnere Romano una candela aspettandovi che giocherellando con essa egli possa eventualmente costruire un automobile. Come potrebbe accadere questo senza una conoscenza dell'automobile e del come le sue gerarchie interagiscono? Anche se l'antico Romano in qualche modo riuscisse a fare una modifica che migliorasse la candela egli non avrebbe neanche modo di riconoscere la miglioria perché senza tutte le gerarchie che costituiscono un'automobile, la candela è inutile.

 

Nessuna modificazione, correzione o aggiustamento trasformerà mai una candela in un'automobile. Perché quindi dovremmo mai credere che il processo di creare la più alta gerarchia modificando i più bassi elementi - processo che non è mai stato osservato nella storia della tecnologia - dovrebbe funzionare così bene in biologia?

 

N.R. Sulle gerarchie nidificate vedi anche:

http://progettocosmo.altervista.org/index.php?option=content&task=view&id=123